Sunday, 1 November 2015

parola opposta coincidente

Le parole sono contenitori di concetti e a volte sono così capienti da contenere addirittura il contrario di se stesse!
non serve prendere la parola francese "personne" che significa sia persona che nessuno per capire di cosa stiamo parlando, anche la lingua italiana è piena di esempi di questo tipo!
vediamone alcuni:

caso - caso può voler dire, dipendendo dal contesto: a) situazione fortuita dettata dall'aleatorietà e totalmente imprevedibile a priori, oppure b) situazione specifica studiabile in dettaglio e ben concreta. un caso concreto.
meditare - meditare vuol dire a) liberare la mente da qualsiasi pensiero applicando la pratica spirituale della meditazione, oppure b) riempire la testa di ragionamenti strutturati e di pensieri molto attenti meditando su un certo evento.
pauroso - pauroso è un aggettivo che può significare a) persona molto facilmente spaventabile spesso quasi senza motivo, oppure b) una cosa che oggettivamente spaventa tantissimo e fa proprio paura.
credere - credere può essere il verbo che a) denota una certezza assoluta e totale, una fede quasi fanatica che non ha bisogno di nessuna dimostrazione, oppure b) l'azione di ritenere blandamente senza essere certo, quasi tirare a indovinare.
certo - certo è un aggettivo molto ingannevole visto che può indicare a) una cosa precisa, definita e sicura se parlo per esempio di una sensazione certa, ma può anche voler dire b) una cosa vaga e non esattamente definita se per esempio parlo di una certa sensazione. Praticamente in base alla posizione questa parola inverte il suo significato.
ospite - ospite è come quasi non dire assolutamente nulla perché nel caso una persona si faccia ospitare nella casa di qualcuno a) l'ospite è colui che viene ospitato, ma anche b) colui che ospita. se vi sembra che abbia senso...
tirare - tirare è un verbo che indica a) avvicinare a sé qualcosa o qualcuno, il contrario di spingere, oppure b) lanciare lontano qualcosa, tipo tirare un sasso o una freccia.

insomma... la conclusione è... che la lingua più che un sistema razionale e serio è soltanto una convenzione che funziona per contesti, giustapposizioni di concetti e senso comune.

No comments:

Post a Comment