Wednesday, 11 August 2021

welcome to my head


 

orizzonti genealogici

Scrivo qui i limiti delle mie ricerche sul mio albero genealogico fino ad oggi, 11 agosto 2021 (compleanno di mio padre, tra l'altro!)
Ecco qui sotto la lista dei miei antenati sui quali cerco di indagare per poter ampliare il mio albero genealogico.

Cusignana:

- Gabriele Pietrobon detto "Merlo" (nato prima del 1813) a Cusignana
Maria Barbisan (nata prima del 1813) a Cusignana - sposa del suddetto Gabriele Pietrobon

Girolamo Pietrobon detto "Merletto" (nato prima del 1801) a Cusignana
- Graziosa Pavan [il nome non è del tutto certo] (nata prima del 1801) a Cusignana - sposa del suddetto Girolamo Pietrobon

(*) - Bernardo Pavan (nato prima del 1770) a Bavaria, Nervesa della Battaglia
(*) - Maria Toffolon (nato prima del 1770) a Bavaria, Nervesa della Battaglia - sposa del suddetto Bernardo Pavan

(**) - Domenico Pavan (nato nel 1731 circa) a Bavaria, Nervesa della Battaglia

(**) - Francesco Favotto (nato nel 1697) a Breda di Piave
(**) - Antonia ... (nata nel 1699) a Breda di Piave - sposa del suddetto Francesco Favotto (Faoto)

(*) - Catterina Callegari (nata nel 1763 circa) a Bavaria, Nervesa della Battaglia
(**) - Sebastian Callegari (nato prima del 1745) - padre della suddetta Catterina Callegari

(*) Giovanni Battista Gottardo (nato nel 1728 circa) a Bavaria, Nervesa della Battaglia
(*)Santa Lovato (nata nel 1728 circa) a Bavaria, Nervesa della Battaglia - sposa del suddetto Giovanni Battista Gottardo

- Bernardina Mattiazzi (nata prima del 1835) a Paese


Paese:

- Maddalena Camuzzato [o Camozzato? Ca' Mussato? Mussato?] (nata nel 1835) a Paese (non so la frazione esatta) - sposa di Giovanni Pietrobon nato nel 1833 a Cusignana


- Domenico Bresolin (nato prima del 1823) a Padernello, Paese. 
- Candida Cavallin (nata prima del 1823) a Padernello, Paese - sposa del suddetto Domenico Bresolin

Sebastiano Zatta (nato prima del 1825) a Padernello, Paese
- Bernardina Rossi (nata prima del 1825) a Padernello, Paese - sposa del suddetto Sebastiano Zatta


Altivole:

Pietro Gazzola (nato prima del 1855) ad Altivole.

- Pietro Citton (nato prima del 1836) ad Altivole.
- Maria Favretto [o Favaretto / Favetto] (nata prima del 1836) ad Altivole - sposa del suddetto Pietro Citton

- Giacinto Murer (nato prima del 1863) ad Altivole [anche se c'è una minima possibilità che sia nato a Monastier]
Domenica Zandonà (nata prima del 1863) ad Altivole [anche se c'è la possibilità che sia nata altrove, anche a Monastier] - sposa del suddetto Giacomo Murer.


Monastier di Treviso:

- Antonio Lovisetto (nato prima del 1840) a Monastier, probabilmente nella frazione di San Pietro Novello.
- Maria Rosa Bassetto (nata prima del 1840) a Monastier, probabilmente nella frazione di San Pietro Novello - sposa del suddetto Antonio Lovisetto

- Angelo Carrer (nato prima del 1880) a Monastier 
Luigia Faganello  (nata prima del 1880) a Monastier - sposa del suddetto Angelo Carrer

- Raimondo Stefani (nato prima del 1844) a Monastier
- Angela Camolino [o Ca'Molino] (nata prima del 1844) a Monastier - sposa del suddetto Raimondo Stefani

- Carlo Stefani (nato nel 1815 circa) a Monastier
Teresa Bianco (nata nel 1819 circa) a Monastier - sposa del suddetto Carlo Stefani

- Pietro Florian (nato prima del 1851) a Monastier
- Anna D'Avanzo [o Davanzo] (nata prima del 1851) a Monastier - sposa del suddetto Pietro Florian


S.Biagio di Callalta:

Pietro Zuccarello (nato nel 1768 circa) a  Rovaré di S. Biagio di Callalta
Anna del Pio Luogo (nata il 4-12-1771) a Rovaré di S. Biagio di Callalta - sposa del suddetto Pietro Zuccarello


Santo Caporin (nato prima del 1766) a S.Biagio di Callalta (non so quale frazione)
Domenica Pegorer (nata il 1761. e morta il 21-5-1792) a S.Biagio di Callalta - sposa del suddetto Santo Caporin
Giacomo Caporin (nato intorno al 1740) a S. Biagio di Callalta (non so quale frazione) - padre del suddetto Santo Caporin
(*)Domenico Pegorer detto "Calabrio" (nato prima del 1743) a S. Biagio di Callalta


Giuseppe Pignata (nato prima del 1760) a Cavrié di S.Biagio di Callalta
- Santo Pignata (nato prima del 1740) a Cavrié di S.Biagio di Callalta - padre del suddetto Giuseppe Pignata
(**) - Domenica Codelotto (nata prima del 1740) - sposa del suddetto Santo Pignata

- Angela Toffolo (nata 1752. e morta il 21-6-1794) a Cavrié di S.Biagio di Callalta - sposa del suddetto Giuseppe Pignata
Antonio Toffolo (nato prima del 1732) a Cavrié di S.Biagio di Callalta - padre della suddetta Angela Toffolo


- Lucrezia Vaccher (nata prima del 1788) a Sant'Andrea di Barbarana [o a Monastier o a Rovaré]

- Angelo Montagner (nato prima del 1772) a Sant'Andrea di Barbarana 
Maria Cappelletto (nata prima del 1772) a Sant'Andrea di Barbarana - sposa del suddetto Angelo Montagner

Angelo Golfetto detto Padovan (nato prima del1770. e morto il 22-2-1802) a Sant'Andrea di Barbarana 
Santa Scomparin (nata prima del 1772) a Sant'Andrea di Barbarana - sposa del suddetto Angelo Golfetto

--------------------------

(*) - scoperte del 18 agosto 2021
(**) - scoperte del 20 agosto 2021

--------------------------
registri e archivi delle ricerche genealogiche in corso in questo link: "ricerche genealogiche sui miei antenati"

Tuesday, 10 August 2021

dall'unico all'universale

Ci hanno insegnato che dobbiamo definirci con etichette chiare e definite, ma soprattutto "uniche": una definizione, cartesianamente e necessariamente, esclude l'altra. Per cui devi avere una sola Nazione. Solo una! devi scegliere, se ti senti una cosa o l'altra, perché sentirti di varie identità allo stesso tempo NON SI PUÒ!
Non puoi essere Italiano E Brasiliano? Solo in certi rarissimi casi, ma è necessario scegliere... e se invece uno si sente Veneto E Italiano? E magari anche Mediterraneo, Latino e Europeo? 
Dicono che non si può... ma il perché non si sa...
La nostra identità sembra fatta di nette separazioni, come tifare una squadra di calcio: non c'è un perché, però devi deciderne una sola e tifare per quella! Averne diverse allo stesso tempo non vale...
Non vedete l'infantilità e l'illogicità di questo pensiero?
E allora perchè uno non può essere allo stesso tempo Trevigiano, Italiano, Europeo e Mondiale senza contraddizioni?
Perché non si può scegliere tra varie bandiere e varie lingue?
Perché non posso essere Cristiano, Buddhista, Musulmano e Sciamanico allo stesso tempo? Magari con qualche tocco di Ateismo? Perché no? Da dove viene tanto fanatismo nel non poter avere due, tre o quattro fedi (o non fedi) contemporaneamente?
È una mentalità univoca stretta. Scelte a priori che ti obbligano a negare il diverso.
Perché non definirsi con diverse professioni allo stesso tempo? Perché non poter avere diversi gusti sessuali in base al momento e all'ispirazione? Perché non spaziare tra i vari cognomi del proprio albero genealogico? 
Addirittura l'età è concepita come la negazione degli anni precedenti, quando invece le età non si "superano", ma si "accumulano" e restano tutte presenti dentro di noi.
Insomma il pensiero dell'unicità della definizione è un pensiero limitato, io preferisco il pensiero universale, dove la verità muta e si manifesta in modo flessibilie e libero.

Monday, 9 August 2021

lingua-madre e lingua-padre

El Vèneto el xe la me léngua-mare
L'Italiano è la mia lingua-padre
El Vèneto el xe la léngua che la me verxe al me mondo interno
L'Italiano è la lingua che mi apre al mio mondo esterno
In Vèneto me vien le parole pi naturali
In Italiano strutturo le frasi più organizzate
El Vèneto el se scrive inte l'aria, són dopo són, fà na vecia canzon
L'Italiano è scritto, solido e stabile, tiene il peso della terra e dà la base
In Vèneto le parole le danza cantando contente intel vento de l'istà
Il Italiano le parole lasciano impronte forti sulla carta e sulla mente
El me Vèneto el ga gramàtica e grafìa, ma le xe personali, sol che mie
L'Italiano ha la struttura accademica e sociale di una lingua ufficiale
In Vèneto me vien i ricordi e le parole pi afetuose
In Italiano i pensieri logici e le conversazioni profonde
El Vèneto la xe la léngua del me cuor'
L'Italiano è la lingua della mia mente
Vèneto el xe el me ìntimo, el me profondo, el me scuro
Italiano è il mio intorno, il mio elevato, la mia luce
El Vèneto el xe la me orìzjene e le me raìxe
L'Italiano è la mia fioritura aperta al mondo
Co'l Vèneto go amor a pele
Con l'Italiano ammirazione e rispetto
Mi amo el Vèneto, la me léngua-mare
Io amo l'Italiano, la mia lingua-padre


Friday, 6 August 2021

altera e superba


 

sora la létera Ç

Naltra aportazion a la definizion de la Grafìa Vèneta Ùnica:
Stavolta se trata de na question de pronunzia de zerte parole che le ga na pronunzia tradizional, stórica, dixemo, ma che altre volte (e dependendo da chi che le dixe) le pol èser' pronunziade inte na maniera "nova", overo italianixada.
Son drio parlar' de le parole co dei soni che se pol pronunziar' fa na "Z" e che speso xa se li pronunzia co na "Ci" (a la maniera italiana).
Par exenpio: 
- la parola "pronunzia" xe fàzile che se la dixe come "pronuncia"
- la parola "fàzile" intra i zjòveni probabilmente se la pronunziarà "fàcile"
- "zerto" el xe dito da tanti Vèneti come se'l fuse scrito "certo", a la italiana
- "zità" sarìa la maniera zjusta de dir' "cità", anca se st'ùltima la xe difuxìsima
- "ziel`" sarìa la maniera normal de dir' "ciel`" ma la seconda la xe squaxi pi uxada che la prima.
Insoma, exenpi ghe ne sarìa mil.

Par raprexentar' la varietà de pronunzie de ste parole qua ghe xe na létera che la casca propio penela: overo la létera "Ç"!
Inte'l post so la GVU gavevo scartà sta létera parché la zjera supèrflua, ma sol' parché zjero drio considerarla sol' come na variazion de la "S" co un toco stilìstico pi tradizional.
Inveze sta létera la xe perfeta se la introduximo par raprexentar' cheli soni che li xe leti co ste pronunçie diverse: sia come na "Ci" italiana, a volte, sia co tuta la conplesità de le pronunçie locali de la létera "Z" che ghemo xa prexentà in altri post (e cioè el fato che se pol lèxerla sia "Z dura" che "S sorda" che "Th").

Le parole del exenpio che gavevo dito prima, deso le vegnarìa scriveste inte la seguente maniera:
"pronunçia", "fàçile", "çerto", "çità" e "çiel`".

Tuti sti caxi che i ga bixogno de na "Ç" i xe tuti dei exenpi de pronunçie vènete italianixade.
Se trata difati de na pronunçia pi vizina a la pronunçia italiana de la parola anàloga.
Ritegno che sie davero neçesario introdur' sta létera, parché de fato el Vèneto contenporaneo el ga na forte influenza italiana che no se pol negar' e anca ste pronunçie italianixade le xe parte de la nostra léngua e le ga da èser' rapresentade, parché difuxìsime, anzi, squaxi universali, romai.
Vorìa far' notar' che in fondo la Grafìa Vèneta Ùnica no la ga l'intenzion de restaurar' el dialeto de i noni o el dialeto arcaico del Vèneto del 1800. L'obietivo no xe gnanca quel' de crear na version de alfabeto vèneto che la se fasa vèder' difarente ai oci de un Italian o de crear' na grafìa che la jute a diferenziar' de pi el Vèneto da l'Italian.
Gnente de pi distante da la realtà!
La GVU la xe na proposta par poder' scrìver' el Vèneto de na meniera coerente e rispetoxa de tute le varianti locali, na maniera de unificar' la scritura, mantegnendo la libertà del parlante de parlar' la so version local de dialeto. E se vardemo co realismo e volemo raprexentar' la parlata real de le persone del Vèneto, tantìsime parole che le sarìa tradizionalmente pronuçiade co na "Z", na "S" o na "Th", deso le xe dite anca diretamente co na "Ci". La xe na realtà che romai da diversi deçeni la existe, o la co-existe co le varie version de Vèneto pi conservative.

Sta italianixazion no la xe un pecà: la xe na richeza!

El Vèneto el xe italian e la léngua parlada la asorbe le varie influenze che le pasa atraverso de la storia. 
Èser' unidi a l'Italia xe na formidàbile richeza, val la pena aprofitàrghene! 
Consideré anca che le version ofiçiali de Vèneto d'oltra-mar: el Vèneto Braxilian (el Talian) e el Vèneto Mesican (Chipileño) i xe fortemente influenziadi pa'l Portoghexe e pa'l Spagnol', no sol' che inte la grafìa, ma inte la gramàtica, inte la pronunçia e inte'l lèsico.
Xe normal, e le xe tute richeze, se savemo conservar' anca le nostre raixe al stesto tenpo.
Vardé par exenpio tute le aportazion a la léngua Vèneta de léngue fa el Todesco, el Greco, l'Arabo, el Françexe, el Spagnol': le xe tute inovazion lesicali dovude a invasion e contati, misioti e guere.
Deso però ndemo tuti orgolioxi de ste parole: par dir' la parola "schei" che la xe squaxi un sìnbolo de veneticità, romai, epur la vien da na parola todesca del periodo de la dominazion austro-ongàrica.

Asorbir' xe sinónimo de intelijenza, elora parché gaver' paura de çerte italianixazion?
La realtà la xe questa, açetèmola!

Bon, quindi eco la nova aportazion de unquò:

- le parole con "Ç" le se pol pronunçiar' in 4 maniere difarenti: "S sorda", "Z dura", "Th" + "Ci"; sia in baxe a la variante local de la xona geogràfica, sia in baxe al livel' de "modernixazion" o de "coservazion" de la version del dialeto del parlante.

Par vèder' tute le règole de la Grafìa Vèneta Ùnica riasunte inte na sola tabela, podé darghe na ociada a sto post: Tabele riasuntive GVU

Thursday, 5 August 2021

buscando ser feliz...




 Qué buscas en la vida?

Muchos dirían: “ser feliz”.

Pero será que buscar la felicidad hace más feliz?

O no será que sólo mantiene en la frustración?

Querer ser feliz suena normalmente a algo como no pedir mucho o pedir sólo lo esencial.

Es como decir: renuncio a muchas otras cosas pero me quedo con lo mínimo, pero con lo importante.

En realidad buscar la felicidad es algo enorme, desmesurado!

Algo prácticamente inalcanzable que, además, es imposible de reconocer.

Es algo que nunca tiene fin.

Es más fácil buscar algo más pequeño, algo concreto, existente, algo normal y no algo tan ambicioso e etéreo como la felicidad.

Es menos glamuroso, pero si deseas una casa o un trabajo o una pareja o cualquier otra cosa práctica, éstas cosas, si aparecen, se reconocen. Y puedes estar feliz por ello.

Quien busca ser feliz, busca un ideal inalcanzable. Quien se alegra de lo que realmente pasa en la vida, acaba siendo más feliz, aunque su vida no sea perfecta.

Se trata de una actitud mucho más realista porque todo tiene su vinculación en la vida.

Él que tiene mucho va a estar más vinculado. Y él que tiene poco estará en la escasez y en la carencia.

Todo tiene su precio y nada es perfecto al 100%.

Es fácil fijarse sólo en que lo que falta. Y buscando llegar a un ideal infinito uno podría no darse cuenta de las pequeñas cosas que sí están en su vida y que sí pueden generar alegría.

Normalmente quien se alegra de las pequeñas cosas concretas suele ser más feliz que los que buscan “sólo” la felicidad.





Una buena pregunta sobre la cual reflexionar podría ser:

Cuáles pequeñas cosas concretas podrían hacerte más feliz en tu vida?


@mas.pietrobon

Tabele Riasuntive GVU

Dopo 'ver' tanto tanbarà co sta storia de la GVU co tuta na serie de post che i spiega ben in detalio ogni una de le sielte che go fato par zernir' tra na grafìa e chealtra, ve meto qua soto, finalmente, la version final che la riasume tute le règole de scritura e letura.

Come che vedaré, xe fàzile riconóser' le létere che le se pronunçia cusita come in Italian e le létere che le xe difarenti e che ghe xe da tegner' de ocio par scrìver' coretamente in Grafìa Vèneta Ùnica.

Qua gavé la version GVU senplificada (quela che son drio doparar' mi deso e che, personalmente, la me piaxe de pi):


Le righe colorade le raprexenta i ponti da considerar' come difarenti dal Italian: par èser' pi preçixi, le righe colorade pi ciare le mostra létare che le existe in Italian, ma che le xe pronunçiade diversamente in GVU (o comunque che le ga qualche particolarità de pronunçia da considerar'). Quele colorade pi scure le mostra grafìe che propio no le existe in Italian e che le xe da inparar'.

Consideré anca che in GVU no existe grafìe o fonemi italiani come el:
- Gli (són che no'l ghe xe propio. In caxo na parola la gapie sta grafìa la se pronunçia "G-li"
- Sci, Sce (són che no'l existe. Le parole che le prexenta sta scritura le se lexe "S-ci" e "S-ce"
- Tute le dopie consonanti (conprexa la dopia S) no le existe né inte la pronunçia né inte la grafìa.
- La I no açentada che la sta prima de naltra vocal, la se pronunzia come na I intervocalica (J) e par questo la se considera senpre fa na consonante (razjon par cui na parola come "butilia" se ga da lèxerla senpre co la "L forte" e no se pol indebolir' la pronunçia de la L (come che normalmente se pol far' tra do vocali).
- Tuti i açenti de le parole che le finise par vocal i casca so la penùltima sìlaba o si no i ga da èser' scriti.
- Tuti i açenti de le parole che le finise par consonante i casca so l'ùltima sìlaba o si no bixogna scrìverli.
- Tuti i ditonghi açentadi li se considera che i ga l'açento sora de la prima vocal; se l'açento el casca so la seconda, elora el va scrito.

Deso ve xonto qua soto anca la version del la GVU co le létere speçiali (par i puristi del vèneto co la "Ł"), le do version de la GVU le coexiste e se le pol uxar' a sielta.


Par lèxer' come che se xe rivadi a sta sielta de grafìe e de létere, sujeriso de tornar' lèxer' tuti i post so sto argomento. Àreli qua:

political himalaya

When someone speaks about Himalayan mountains which country do you think about? Probably India or Nepal, but actually if we consider the himalayani range region things are really different: India and Nepal are just a small part of all the mountain surface.
Even if the highest peaks are in these countries (and also the "easiest" ways to access to them) the biggest area is taken by China (with the Tibetan plateau) and several other countries are involved: Afghanistan, Pakistan, Bhutan, Myanmar and also Bangladesh.

Have a look to this map:


 

idrografia politica del Po

Sapevi che il bacino idrografico del fiume Po non è qualcosa di così "padano" come dicono: infatti passa per ben 4 stati! Italia, Svizzera, Francia e S. Marino! Non solo: il Friuli Venezia-Giulia (un'intera regione del Nord Italia) non ne fa assolutamente parte (senza parlare del Süd Tirol...). Inoltre anche la Toscana e le Marche ne fanno parte. La dimostrazione geografica che la Padania non esiste!

Bene, adesso che tutto è più chiaro, ecco finalmente a voi la cartina del Bacino del Po con le sue divisioni amministrative:


 (Visto da un punto di vista dialettale, il bacino del Po è quasi esattamente l'area dei dialetti Gallo-Italici. Le due aree sono praticamente sormontabili... la Padania è solo per i Gallo-Italici, se la vogliono...)

Tuesday, 3 August 2021

political map of the nile

When we speak of the Nile river, we general think about Egypt, but apparently Egypt is not the main part of the political division of the Nile river basin...


 

i nizioleti in GVU

ve ricordo che go scrito xa na serie de post so la grafìa vèneta ùnica.

el primo, el bloco prinzipal, el xe sto qua: grafìa vèneta ùnica.

el secondo, che'l trata de zerti caxi speziali, el xe staltro: xonta a la GVU.

par ùltimo inveze, naltro caxo particolar' e un pâr de note in djeneral so come doparar' la grafìa. staltro post el xe sto qua: nova xonta a la GVU.

inte sto post qua inveze vojo mostrarve i nizioleti de venezia come che i sarìa se la grafìa doparada la fuse la GVU inveze de la tradisional del venezian clàsico del Boerio. 

eco qua alcuni exenpi sielti a caxo.






par far sto post go evità de meter' le lètere "L" e le "D" con la sbareta, par mostrar' inveze come che la sarìa la scritura del GVU co no se le mete (opzion conpletamente posìbile senza nesun problema de letura o de scritura)

ve dirò de pi: la scritura senza la "Ł" e senza la "Ð" la me par' diritura pi bela e pi elegante che la version che la uxa ste lètere speziali. e no sol' che questo, la sarìa anca pi asimilàbile par un vèneto medio, bituà a la scritura italiana (quindi la tranxision a la GVU la sarìa pi realìstica), ma anca pi sìmile e in linea co la tradision clàsica de le grafìe stòriche xa existenti in vèneto e anca pi vizina a le grafìe de vèneto oltra-ozeano (come el talian braxilian o el chipileño mesican). 

sò ben che la "Ł" particolarmente la xe deventada squasi un sìnbolo de la lèngua vèneta, ma par mi inveze no xe necesario tegnerla par forza, ansi...

conservo comunque la opzion de mantegner' tute do le grafìe come vàlide e co-existenti. conservarle tute do e uxarle in baxe al contesto, secondo i gusti personali, no sarìa propio gnente de asurdo o de stran: sarìa un fià come che i fa i franzexi co'l sìnbolo spezial che'l unise "OE", i todeschi co i uxa la scharfes inveze de na dopia "S" o i spagnoli co i cava via tuti i acenti se el testo el xe scrito in majùscola. le do version le pol co-exìster'.

---------

ùltima nota: pi che ghe penso e pi me piaxe l'idea de uxar' le lètere "Zj" inveze de le lètere "Ðj" par cheli caxi spiegadi inte la "xonta a la GVU" e cioè chele parole che le sona pronunziade de le volte come "Gi" de le volte come "X" e de le volte come "J": come par exenpio la parola "zjeneral" (o đjeneral) che la se pol pronunziarla general, xeneral o jeneral; o el vocàbolo "razjon" (o rađjon) che'l se pol lèxer' come ragion, raxon o rajon; o anca el nome Zjani (o Ðjani): che el pol eser' dito "Giani", "Xani" o "Jani" (va ben, Jani de sólito el se dixe Joani, ma me gavé capido, no?).


Sunday, 1 August 2021

nova xonta a la GVU

inte'l post Grafìa Vèneta Ùnica ghemo visto na posibiłità de raprexentar' praticamente tute łe difarenti parlate vènete łocałi co na soła maniera de scrìver', sensa priviłejarne una in particołar'. xe sta sufiziente considerar' 18 ponti de grafìa bastanza intuitivi e no masa dironpenti rispeto a łe abitùdini de scritura che gavemo. 

inte'l post đopo, xonta a ła GVU, gavemo apronfondiđo un caxo speział de parołe che łe se pronunzia de modi difarenti in diverse xone del vèneto e ghemo proposto do sołuzion posìbiłi, priviłejàndoghene una. 


inte sto post qua inveze trataremo de naltra pronunzia diferenziađa che existe inte'l vèneto e che ła xe davero tanto ricorente, par questo che credo che ła mèrita na règoła aposta: se trata de chełe parołe che łe finise in "-ER" in serte xone e in "-ARO" in altre.

ghe xe mił exenpi che se poł far', tipo "pomer", "puner", "murer", "buxier", "forner" che in altre àree del vèneto łe se dixe inte ła forma "pomaro", "punaro", "muraro", "buxiaro", "fornaro". par sti caxi qua no xe posìbiłe xontar' soł' un apòstrofo đopo de ła "R" parché sto sistema el gavemo xa utiłixà par i verbi che i finise par exenpio in "-ar" o in "-are". inte sto caxo ełora propongo naltra sołuzion e cioè queła de scrìver' ste parołe co un acento zircunfleso (cusita: "-ÂR") e che quindi sti vocàbołi łi sie scriti cusita: "pomâr", "punâr", "murâr", "buxiâr" e "fornâr".

de sta maniera se veđemo scrito -stropar'- e -stropâr- savaremo che'l primo el xe el verbo e se pođarà pronunziarlo "stropar" o "stropare" a seconda de nđovhe che vien uno; el secondo vocàboło inveze el xe el nome del àlbaro (chel tipo de salgâr che'l se dopara par far' łe strope), inte sto secondo caxo łe pronunzie łe sarà o "stroper" o "stroparo", senza crear' nesuna confuxion.

sta grafìa de l'"-ÂR" ła mantien na forma ìbrida che no ła favorise nesuna de łe version łocałi, al steso tenpo che ła xe bastanza intuitiva e ogni uno poł bituarse łèxer' sti vocàbołi inte ła maniera che ła ghe xe pi naturał.

co sta ùltima nota cređo che go considerà tuti i caxi prinzipałi de difarenze intra łe parlate vènete pi uxađe, risolvendo co na sołuzion plauxìbiłe ogni ponto tratà. el resto xe question de modi de parlar' personałi, praticamente, o de variazion łocałi de łe parołe stese.


vorìa anca xontar, come ùltimo apunto, che łe łétere "Ł" e "Ð" no łe ga bixogno de èser' senpre scrite co ła sbara insima. no łe xe par forza necesarie. łe poł èser' soł' na opzion de grafìa pi "formał" o pi "definiđa", ma łe pođarìa in alternativa èser' raprexentađe scrite anca in maniera normał (sensa ła sbara): no ghe sarìa problemi. i do sistemi łi pođarìa co-exìster' sensa preocupazion, parché sia che ste łétere łe ghe sie o no, co uno el xe bituà łèxer' e scrìver' ła "L" e ła "D" de ła so maniera, déboła o forte, no ghe xe confuxion o dubi de pronunzia. xe soł' na convenzion de łetura. na opzion de definizion fonètica un peł' pi exata o un peł' manco exata, ma i do sistemi łi funziona ben insteso e łi xe totalmente coerenti e incluxivi in tuti do i caxi.


Friday, 30 July 2021

minha obra em Bons de Bico

Que alegria, Aninha, que uma obra minha (realizada expressamente pra você) esteja colocada no teu café. È muita honra. Obrigado amiga!



 




xonta a la GVU

par conpletar' na scianta de pi el post sora ła Grafìa Vèneta Ùnica che go scrito un beł' fià de tenpo indrìo, xonto qua na pìcoła nota sora ła pronunzia de ła łètera "J"

ghe sarìa da distìnguer' do tipi de "J":

1)- el primo el xe queł' descrivesto intel post orijinario, uxà par parołe jenèriche, ndovhe che xe ła cosienza del łetor che decide se łèxerlo fa na "I intervocàłica" o fa na "Gi" (al stił venesian). par exenpio łe parołe "sanjuto", "josa", "injasà" che chelcuni łexarà come "saniuto", "iosa", "iniasà", altri łi preferirà sicuramente dir' "sangiuto", "giosa" e "ingiasà".

2)- ma ghe n'è anca naltro tipo de "J" che ła ga pi anpieza de pronunzie. łe parołe co sta łètera łe poł eser' dhite come "I" e come "Gi", exatamente fa prima, ma anca come "X". exenpi de ste parołe łi xe: "jenaro", "dejun", "jèrimo" nodovhe che serti parlanti łi dirà "ienaro", "deiun", "ièrimo" inveze che altri łi dirà "genaro", "degiun", "gèrimo", ma (e qua ghe xe ła difarenza), altra dzente łe pronunziarà cusita: "xenaro", "dexun" e "xèrimo".

par sta seconda fameja de parołe ghe vorìa na grafìa difarente. inizialmente gavevho pensà de uxar' na sołuzion del tipo "Xj" parché ła xonta insieme do łétere che łe xe intra quełe pronunziadhe come soni posìbiłi. dhopo però me go convinto inveze che sarìa mejo e pi faziłe uxar' łe do łétere "Jh" xa che ste do łétere łe dà xa na idea de un son dolzo che'l sta intra el "J" e el "Gi". intuitivamente podharìsimo dir' che el ghe someja a na spezie de "J franzexa", no cusita distante da na pronunzia che ła sta in medzo a ła "Gi" a ła "I" e a ła "X". par questo che a ła fine, me par' ła sołuzion pi łògica propor' ła "Jh" par sti caxi. łe parołe che łe prexenta sti soni łe finiria par scrivarse cussita:

intel mexe de jhenaro jhero ndà inte un ritiro spirituał e par na jhornadha intiera go fato dejhun.

fraxe che, come che ghemo xa dhito, ła se poł pronunziar inte łe seguenti maniere:

1- intel mexe de ienaro iero ndà inte un ritiro spirituał e par na iornadha intiera go fato deiun.

2- intel mexe de genaro gero ndà inte un ritiro spirituał e par na giornadha intiera go fato degiun.

3- intel mexe de xenaro xero ndà inte un ritiro spirituał e par na xornadha intiera go fato dexun.


ma se propio vołemo, ła ùnica altra opzion che par mi ła podharia servir' de alternativa, ła gavarìa bixogno però de ła introduzion de na łètera nova: dixemo par exenpio che inveze de łe łétere "Dh" par scrìver' ła "D evanesente" uxemo na łètera nova, ła "Ð".  xontar na nova łètera in realtà pođarìa anca eser' na conplicazion no-necesaria, na xonta un fià pexante: fursi xe un fià masa de novità gràfiche par un vèneto bituà scrìver' in italian... ma considerando che ghe xe xa na "L barađa", uxađa xa come na roba normał, pođarèsimo anca acetar' l'ipòtexi de staltra łètera barađa. (*)

e parché far' na roba cusì proprio đeso che xa jhèrimo rivađi a na beła concluxion de ła grafìa vèneta ùnica? parché se doparemo ła "Ð" se verdzemo de łe posibiłità nove: par exenpio inveze de uxar' łe łétere "Jh" par trascrìver' i soni che i poł eser' pronunziađi alternativamente "g", "i" e "x", come che gavemo đito prima, đeso pođarìsimo inveze doparar' ła grafìa "Ðj" che ła me par' bastanza ełegante e intuitiva, vhisto che vharđando łe do łétere "Dj" insieme, xa łe dà l'idea de ła pronunzia "Gi", che ła xe una de quełe posìbiłi, oltra a prexentar' anca ła łètera "J" che ła xe ła grafìa orijinaria che inte sto caxo semo drio modificar' łijeramente par pođer' raprexentar' anca sta variazion ulterior' de soni. 

(uxar' na variazion de na "j" xe coerente, ma se uxèsimo na "Zj", par exenpio, sarìa intuitivo łèxer' na "i" intra el son del "Z" e el resto de ła paroła. par exenpio "na zjornađa" pararìa che se gapie da łèxerlo come "xiornađa", co na "i" che no toca. inveze me par' che el sìnboło "Ðj" el par' xa un son ùnico łu da soł'. difati "na đjornađa" se poł łèxarlo "xornađa", "jornađa" o "giornađa" e sta graìa, personalmente, ła me par' ła pi intuitiva).

cusita quindi tuto deventa bastanza coerente, senza parlar' del vantajo de doparar' soł' che na łètera par łe "D evanesenti" inveze de do come intel caxo del "Dh" (grafìa, sta ùltima, che ła pođarìa rexultar' na scianta pexante).

par concluder' quindi, ła fraxe che dixèvhimo prima e che gavèvhimo uxà come exenpio par mostrar' łe tre pronunzie diverse, đeso ła sarìa pitosto trascrivesta de staltra meniera qua: 

intel mexe de đjenaro đjero ndà inte un ritiro spirituał e par na đjornađa intiera go fato deđjun.

bon, mi łe me proposte de grafìa ùnica par ła łengua vèneta che łe respeta tute łe varianti łocałi par quanto riguarda ła scritura, łe go fate. łe me par' bastanza łòjiche e coerenti e no łe me par' masa distanti da łe abitùdini tradizionałi so ła maniera de scrìver' de un vèneto medio bituà scrìver' in italian. 

chi che voł' che'l dzoghe a scrìver' co sta grafìa par vèđer' cosa che ghe par' (mi, personalmente, son pitosto sodisfato e, intra łe opzion de "Dh"+ "Jh" e "Ð"+"Ðj" mi me par' squaxi pi beła sta seconda opzion).

ai posteri l'ardua sentenza


et voilà. c'est tout.


--------------------

...e inveze no! nova xonta a la GVU! łexi, se te interesa sta question

--------------------

* = ricordèmose che ła "Ð" in realtà ła xe un falso problema, tanto quanto ła "Ł" (o anca ła "Vh"), inte'l primo post sora de ła GVU go spiegà come che, par mi, na "D" e na "V" speziałi xe na roba superflua e che cònplica masa ła scritura par gnente.

in đjenerał, par chi che ga ła tendenza de far' sparir sti soni co'l łexe ghe xe na règoła sènplice da ricordarse: sti soni i resta forti co i xe in contato co na consonante e i se indebołise co i xe in medzo a do vocałi. 

co sti soni i xe indebołiđi, xe el łetor' che'l sa come che'l voł łèxarli, se forti, se débołi, o se diretamente far sparir' ste łétere. (inte'l caxo de ła "L" el son el poł sparir' conpletamente soł' se'l xe tra do vocałi e inmanco una de ste do łe xe na "i" o na "e").

realmente podarìsimo scrìvar' in grafìa ùnica vèneta sensa uxar' pi nesuna lètera co segni strani o speziali: se tratarìa sol' de saver' che le "L", le "D" e le "V" le ga serte règole de "evanesenza", el resto inveze resta tuto in piè: e, se ve gavese piaxesto la idea del "Ðj" par i ùltimi caxi che go diferenzià inte sto post, se volé, se pol mantegnerlo, ma co na "D" normal inveze de na "Ð". cosa ve par' elora? xeo djusto o no? in djeneral, mi me par' de sì!


Wednesday, 28 July 2021

ISLANDS OF EUROPE


 

neologismo-128

Tecnica super efficace di conversione religiosa attraverso colpi di teologia marziale

KARATECHISMO

Per esempio: "suor Maria è davvero brava a convincere i ragazzini a studiare catechismo: dopo aver colpito quei ragazzini che schiamazzavano con i suoi temibili colpi di karatechismo adesso tutti i bambini sono silenziosi ed attenti alle sue sante parole"


political map of the sahara


 

POLITICAL MAP OF ALPS


 

Tuesday, 27 July 2021

il Venetico nel Veneto

Questa è una teoria completamente senza nessuna base scientifica, ma la lascio nell'etere del blog per qualcuno che magari un giorno possa essere interessato ad approfondirla.

Può qualche residuo linguistico del Venetico essere ancora presente nel dialetto veneto? Sarebbe molto azzardato affermarlo, specialmente considerando la scarsità delle informazioni sull'antica lingua indoeuropea. Tanto per dare un'idea è ancora dibattuta la classificazione del Venetico, se si tratta di una lingua Italica oppure un ramo a sé stante (tralascio ovviamente la teoria un po' fantasmagorica dei Venetici come origine dei popoli Slavi conosciuta da chiunque abbia approfondito un po' questi argomenti).

------------

1) - C'è pochissima informazione sulla lingua Venetica, ma c'è un elemento che ha attirato la mia attenzione: la duplicazione del pronome personale come rafforzativo (probabilmente).

Si tratta di iscrizioni in cui appare la forma SselboiSselboi che è un dativo del pronome sé = "a se stesso".

Una osservazione sul dialetto veneto adesso: è ancora in uso oggigiorno la forma rafforzativa dei pronomi che prevede la loro duplicazione (quando associati all'aggettivo "solo"), del tipo "ło foo da mi-mi soł" (lo faccio da solo), "te resti ti-ti soł" (resti solo tu), "el magna łu-łu soł" (mangia da solo). 

Mi chiedo, considerando queste peculiarità, non sarà che questa duplicazione enfatica non derivi direttamente da una caratteristica della lingua venetica pre-latina originaria?

È sicuramente improbabile che parole venetiche sopravvivano alla latinizzazione di due millenni fa, ma le proprietà di uso delle parole e i modi di dire potrebbero resistere in modo trasversale al cambio della lingua. Inizialmente come errori locali dovuti a un'imperfetta traduzione da parte di genti che parlano lingue diverse o che sono bilingui e poi come caratteristica regionale del latino locale, evoluto infine nella parlata veneta e nel dialetto di oggigiorno.

------------

2) - In Venetico ci sono delle iscrizioni che riportano parole uguali ma, a volte, con certe differenze fonetiche. Non c'è niente di cui stupirsi è normale in un territorio dove non c'è una normalizzazione linguistica esatta e dove la codificazione standard di un alfabeto non risulta totalmente cristallizzata (visto poi che nessun alfabeto rappresenta alla perfezione tutti i suoni pronunciati).

Una di queste differenze però ha attirato la mia attenzione si tratta di una delle parole più ricorrenti nelle iscrizioni votive ed è la parola "donasto" forma verbale dal significato di "donò". Normalmente viene scritta con "D" iniziale ( mego donasto ssainatei reitiiai porai egeotoa aimoi ke louderobos ) mentre in certi casi isolati è trascritta con "Z" iniziale ( meXo zonasto eb vhabaitssa porai op iorobos ).

In sé non sarebbe niente di speciale, se non fosse per la particolarità moderna delle parlate del Veneto in cui molte parole sono espresse alternativamente con la "D", con la "DH", con la "X" veneta (esse dolce), o anche come "Z" in base alla zona. Parole come "mezzo" vengono pronunciate "medo", "medho", "mexo", "mezo", o termini come "giovedì" si pronunciano "dioba", "dhioba", "xioba" o "zioba". Nella maggior parte dei casi comunque, al di là della trascrizione, il suono che si rappresenta qui è un suono intermedio che si polarizza volte localmente o nella scrittura.

Mi chiedo se questo fonema arcaico e caratteristico della parlata veneta non possa magari essere un fossile fonetico di una pronuncia originaria venetica che, per incredibili coincidenze, si sia mantenuta nell'accento e pronuncia delle lingue adottate in seguito.

A mio parere infatti, questi tratti sottili delle lingue sono più resilienti e persistenti che le lingue stesse: se adesso, per esempio, iniziassimo tutti a parlare inglese come prima lingua, anche se grammaticalmente il nostro inglese potesse essere assolutamente perfetto, ci sarebbe un accento, una pronuncia leggera di certi fonemi e alcuni modi di dire tradotti che si manterrebbero inevitabilmente, come l'ombra della lingua abbandonata.

Un Indiano che parli solo inglese o un Nigeriano madre lingua inglese avranno comunque qualche tratto di pronuncia, accento, di fonemi e sintassi che si rispecchiano più nelle lingue originarie che nell'Inglese standard.

------------

3) - Continuiamo a parlare della parola venetica "donasto", che si può tradurre in latino con "donavait" e cioè "è stato donato". In questo caso saremmo di fronte a una forma verbale che il Latino ha perso e cioè dell'"aoristo". L'aoristo è una delle coniugazioni delle lingue indoeuropee e che, per esempio, rimane presente nel Greco e sparisce invece nel Latino. Il Venetico, anche se apparentemente presenta impressionanti vicinanze linguistiche con il Latino, si differenzia su questo uso molto più generalizzato dell'aoristo. 

Però, come fa notare Anna Marinetti, anche il Venetico sembra mostrare un processo di trasformazione nell'uso della forma dell'aoristo (simile al processo del proto-Latino), in cui si nota "la fusione di ex-aoristo ed ex-perfetto in una nuova categoria di preterito"

Qui mi lancio in un azzardo linguistico assurdo non supportato da nessuna conoscenza reale, ma mi chiedo: non sarà che una trasformazione del verbo aoristo (dello stile di "donasto") a una forma di preterito (che potrebbe, forse, avvicinarsi al latino "donatus (est)") non abbia potuto avvicinare la pronuncia di verbi molto simili (Venetico e Latino erano molto simili per vocabolario e fonetica) generando, magari, una sovrapposizione di forme verbali tipo "donaStus (est)"?

In questo caso certi participi passati del Latino parlato localmente nel Veneto potrebbero conservare la desinenza "-aStus" invece di "-atus". Non potrebbe questa essere l'origine di participi passati moderni del dialetto veneto nel quale, ad esempio, si dice: "volesto" per dire "voluto", "coresto" per "corso", "podesto" per "potuto", "movesto" invece di "mosso", "savesto" invece di "saputo".

Immagino che questo sia un'esagerazione linguistica (visto che poi la forma in "-esto" sembrerebbe essere solo per la seconda coniugazione dei verbi del dialetto veneto e non per tutte le coniugazioni), ma mi azzardo a lanciare questa possibilità, con la speranza che qualcuno che se ne intenda un giorno possa approfondire l'argomento senza pregiudizi e arrivi a una conclusione scientifica.


the importance of the islands


This mas shows Greece only with its islands. A curious way to show a country isn't it?


If you think that the map of Greece was curious, look at this one: a map of Indonesia... but without its islands... 


 

Friday, 23 July 2021

etimologia veneta

Giocando a realizzare il post "Connessioni Linguistiche" tra varie lingue e il dialetto veneto, ho approfittato per fare la lista di tutta una serie di parole prettamente venete che hanno corrispondenti con altre lingue che conosco o con le quali sono venuto in contatto.

Il post è tra il serio e lo scherzoso, essendoci delle connessioni ovviamente non riconducibili a influenze mutue tra Veneto e altre lingue (a volte si tratta di assonanze, a volte di ascendenze comuni dal latino o dalla radice indoeuropea o a volte di prestiti linguistici comuni). 

Tuttavia a volte la connessione storica c'è! 

E frugando un poco qua e là ho scovato le etimologie di alcune parole emblematiche della parlata veneta!

La scientificità di queste origini etimologiche potrebbero essere dubbie: alcune etimologie sono dei ritrovamenti fatti in internet, ipotesi possibili e, la maggior parte, sono delle teorie mie di cui, però, sono piuttosto sicuro, avendo io il pallino della linguistica.

(Lascio comunque da parte le etimologie di parole fin troppo ovvie come "schei", "tosato", "onbra", "caívo", mona", "ciao", etc... e anche quelle di parole che pur essendo molto tipiche, hanno una corrispondente diretto chiarissimo con analoghe parole italiane, e quindi analoga etimologia, come per esempio "strassa" e "straccio", "scavessar" e "scavezzacollo", "naransa" e "arancia" oppure "ciapar" e "acchiappare...) 

Lascio dunque qui una lista di parole dall'etimologia "ritrovata" affinché internet le conservi e le mantenga disponibili a futuri studi...

Cominciamo!

- Àmia (zia) viene dal latino "amita" ovvero zia paterna.

- Bagigi (arachidi) deriva da una parola araba e cioè il termine "habb'aziz" dal significato di "bacca rinomata".

- Barco (rimessa per attrezzi), anche se può sembrare affine alla parola "barca", sembra invece essere una derivazione del termine latino "parcere" ovvero "contenersi". Parole latine come "bareca" e "parricus" significano rispettivamente "edificio rustico" e "recinto". Questa origine sarebbe quindi la stessa della parola "parco" o di termini relativi al contenersi quali il verbo "risparmiare" o l'aggettivo "parco" (e siccome la radice indoeuropea è comune ad altre lingue, si tratta di una parola vicina al tedesco "pferch" cioè recinto, "to spare" inglese, etc). L'idea del recinto sembra probabile, vorrei comunque proporre anche un'origine diversa e cioè la parola araba "bàrchane" o "bargah" che significa "tenda", "padiglione" e anche "luogo dove conservare le merci". Etimologia già suggerita da alcuni studiosi per la parola "baracca".

- Baro (cespo o cespuglio) deriva dalla radice celtica "barros" dal significato di "ciuffo", "cespuglio".

- Baúco (tonto, scemo) sembra derivare dalla stessa origine del termine spagnolo "embaucar" che significa "ingannare", "prendere per i fondelli". Secondo gli studi sull'etimologia del termine spagnolo sembra che la parola derivi dal Latino "baba" come radice onomatopeica che ha originato parole come "balbuzie" e "barbaro". Se diamo credito a questa ricostruzione (che suppongo sia sostentata da studi linguistici seri) vorrei però proporre che non derivi direttamente da "baba", il che mi sembrerebbe piuttosto strana come derivazione logica, ma da "balbus" (origine diretta del termine balbuziente) e cioè qualcuno che non sa parlare. L'ipotesi che sostengo dunque è che derivi dal termine "balbuco" dove la desinenza "-uco" è dispregiativa ed è soltanto per rafforzare l'insulto.

- Becher (macellaio) deriva dalla parola "becco" e cioè il caprone. A sua volta questa viene dal Latino "ibex" e cioè capra selvatica.

- Bisso (piccolo animaletto, insetto) viene dal termine latino "bestius" e cioè "animale", "bestia", analogamente allo spagnolo-portoghese "bicho".

- Bocia (bambino) avrebbe la sua origine dal fatto che un tempo i bambini avevano i capelli rasati e quindi la testa era simile a una "boccia". Concetto non molto distante dall'idea di chiamare "tosato" il ragazzo.

- Bora (vento del nord) viene dal termine latino "boreas" dallo stesso significato. Il termine ha dato origine a parole come "burrasca" in Italiano e "bora" (raffica di vento) in Greco, ma non escluderei che avesse originato anche il termine turco "bora" dal significato di "uragano" e la parola albanese "borë" con il significato di "neve".

Boresso (ilarità, ridarella), da cui anche la parola "inboressà" è anche in questo caso una apportazione tedesca visto che la parola "berausch" significa ebrezza, allegria. Posso facilmente immaginare un abitante del Veneto che pronuncia a modo suo la parola "berausch" pronunciata come "beróiss" ma sicuramente poi storpiata in "borèiss".

- Braghe (o braghesse) viene dal celtico "braga" passando per intermediazione latina attraverso il termine "braca". È la stessa origine di "bragas" in Spagnolo.

- Branca (manciata) deriva appunto dal termine arcaico "branca" ovvero artiglio. Questo termine è l'origine del verbo italiano "abbrancare" che significa afferrare con forza, acchiappare. Alcune teorie però pendono per il termine "branco" quindi "far branco", "raggruppare", anche questo possibile.

- Brincar (acciuffare) secondo me potrebbe derivare dal termine latino "vinculum" dal significato di legatura (così come il verbo "brincar" portoghese che però significa "giocare", "saltare"). Se così fosse il "brincar" veneto e il "vincolare" italiano deriverebbero dalla stessa radice (vediamo se qualcuno troverà un giorno le prove di questa teoria). In alternativa propongo la stessa origine della parola "branca" (manciata).

- Brìtoła significa "ronchetto, coltellino ad uncino" viene dallo Sloveno "britva" che significa "coltello".

Broar (scottarsi) è una parola di origine germanica. Deriva secondo me dal verbo tedesco "brodeln" (ribollire).

- Bromèstega (brina, gelo mattutino) deriva dal latino "bruma" che indica propriamente "il giorno più corto dell'anno" ovvero il "solstizio d'inverno" quindi periodo "freddo" e "gelato". Bromèstega quindi significa "evento proprio del periodo freddo".

- Bronsa (brace) dovrebbe avere la stessa origine della parola italiana, così come "brasa" spagnolo, "braise" francese, etc. Tutte queste parole sembrano derivare dalla radice germanica "brasa" (brace).

- Brosa (rugiada) viene dal latino "ros" dallo stesso significato.

- Butiro (burro) viene dal greco "boutyron" dallo stesso significato.

- Calcagno (tallone) deriva dal Latino "calx" dallo stesso significato. Da questa origine sono derivate anche le parole "calzature", "ricalcare" o "calco" (stessa etimologia di "calcanhar" portoghese).

- Całe e cioè la "via", la "strada" deriva dal Latino "callis" che significa "sentiero" (stessa etimologia dello spagnolo "calle").

- Carega (sedia) deriva dal latino "cathedra" evoluto nella forma popolare in "catecra" come si può leggere in iscrizioni a Pompei.

- Casołin (formaggiaio) ovviamente viene dal latino "caseus" (formaggio).

- Catar (trovare) viene dal verbo latino "captare" dal significato di "prendere" o "cercare di afferrare", ma che si usava anche con l'accezione di "percepire con i sensi" e quindi anche di "vedere". Da questo concetto, l'idea di "captare" come "trovare".

- Cheba (gabbia) deriverebbe dal Latino "cavea" che significa "gabbia". Non scarterei tuttavia una connessione con l'Arabo "ka'ba" che significa "scatola, cubo". Questa parola ha speciale importanza nel mondo arabo visto che il luogo più sacro della Mecca è un grande cubo denominato appunto "al-ka'ba".

- Ciò! e cioè la tipica interiazione veneta dal significato ampio e che varia tra Toh! Guarda un po'! Ehi(tu)! Ascolta! Per forza! è una derivazione del verbo "ciol!" e cioè "prendi!" così come l'italiano "toh!". Tra l'altro "cior" (prendere) si può dire anche "tor", per cui il parallelismo "ciò" e "toh" è completo.

- Cior (o anche tor) significa prendere. Viene dal termine latino "tollere" che significa "levare", come l'italiano "togliere".

- Ciuco (ubriaco) sembra essere generalmente fatto risalire dall'antico francese "clocker" con l'idea di "dondolare come una campana", come suggerito per esempio nel Glossario Etimologico Piemontese. Altre proposte suggeriscono un'associazione con la parola "ciuco" nel senso di "asino" e quindi un modo di dire che l'ubriaco diventa poco sveglio. Personalmente mi sembra più probabile un'altra ipotesi che suggerisco e cioè l'ascendenza germanica del termine. In Tedesco moderno il termine per indicare un sorso è "schluck". Il termine viene dal proto-germanico "kekǭ" con il significato di "ingoiare, bere". Date le forti influenze germaniche su tutta l'Italia del nord durante tutta la storia e l'associazione generalizzata e stereotipata dei termini relativi al bere con i popoli germanici (tipo trincar, sgnapa, birra, etc...) mi sembra più logico far risalire il termine a questa radice.

- Còtoła (gonna) deriva dal diminutivo di "cotta" (giubbetto) parola latina, ma che sembrerebbe derivare da radice germanica. L'etimologia è comunque uguale a quella della parola "cotta" italiana.

- Culier (mestolo/cucchiaio) trova un corrispettivo nell'antico Francese "cuiller" e nel Portoghese moderno "culher". Si tratta di un termine derivante dal Latino "coclear", dalla parola "cocleae" a sua volta procedente dal Greco antico "kokhlías".

- Cuna (cioè "culla") viene dal Latino "cunae", un pluralia tantum.

- Da rente (vicino) viene dal Latino "radente". In Portoghese esiste la stessa parola "rente" con lo stesso significato di "vicino", l'origine è per tanto la stessa.

- Deghejo (disastro, parapiglia) è una parola piuttosto recente nel Veneto, anche se abbondantemente diffusa. Deriva dalla pronuncia (incorretta) termine spagnolo "degüello" e cioè, letteralmente, "sgozzamento". L'origine sembra essere cinematografica, dovuta all'uso di questo termine nel film western "la battaglia di Alamo" dove l'esercito messicano metteva sotto assedio un forte usando questa parola che, tra l'altro, è il titolo della musica di Ennio Morricone per lo stesso film). "Degüello" deriva dal verbo latino "decollare" cioè "tagliare il collo o la gola" di un animale.

- Disnar (pranzare), esattamente come l'inglese "dinner", il catalano "dinar", il francese "diner" e lo spagnolo "desayunar" viene dal gallo-latino "desjunare" che a sua volta procede dal latino volgare "disjejunare" e cioè terminare il digiuno.

- Faral (o feral) che significa "fanale, lanterna" anche se sembra simile al termine italiano ha una origine diversa: deriva infatti dal latino "pharus" (faro) mentre "fanale" deriva dal greco "phanós" (lampada).

- Frègoła (briciola) deriva dal verbo latino "fricare" che significa "sminuzzare".

- Goto (bicchiere) viene dal Latino volgare "gottu(m)" e cioè piccola caraffa. L'etimologia è chiaramente analoga a quella del catalano "got" (bicchiere).

- Grassa nel senso di concime, letame, viene dal tardo latino "crassu(m)" che indica generalmente qualcosa di florido e fertile.

- Grébano (terreno pietroso e inconlto, ma anche persona rustica, zoticone) è stato fatto risalire da una radice germanica dal significato di "cresta", "monte", ma personalmente trovo più logico pensare che derivi dal latino "glaeba" e cioè "zolla di terra". 

- Guaivo,o vaivo, (liscio, pareggiato, uniforme) deriva a mio parere dalla stessa radice di "uguale", per cui "igualare" e "sguaivar" (svaivar) deriverebbero entrambi dal termine latino "aequalis" a sua volta derivante da "aequus" dal significato appunto di "uguale", "piano", "equo".

- Inciucarse che significa che qualcosa va di traverso mentre si mangia o si beve è sorprendentemente simile all'inglese "to choke" che presenta lo stesso significato. L'origine del termine risale attraverso la radice germanica fino alla radice indoeuropea, ma la connessione con il Veneto è sicuramente dovuta a influenze longobarde, franche, ostrogote o austriache. La radice proto-germanica di "to choke" è termine "kekǭ" dal significato di "ingoiare". Questa radice antica potrebbe non sembrare particolarmente simile al verbo "inciucarse", ma se pensiamo che oggi giorno il termine tedesco per ingoiare è "schlucken" vediamo che i due verbi non sono poi così distanti. Il germanismo quindi potrebbe essere più moderno, forse austriaco.

- Incoconar (ingozzarsi, rimpinzarsi, riempirsi di cibo) a mio parere viene dalla stessa radice del verbo "inciucarse" e cioè il termine proto-germanico "kekǭ" che significa "ingoiare". Considerando che il Tedesco moderno usa una parola derivata da questa radice che presenta lo stesso significato (schlucken), ma che suona già piuttosto diversa (più simile a "inciucarse" che a "incoconar"), suggerirei una apportazione linguistica antica, forse longobarda o franca.

- Infiar (gonfiare) viene dal latino "inflare" con lo stesso significato.

- Inpirar (infilare) viene dalla radice latina "pila" e cioè "colonna". Infilare in un certo senso sta per incolonnare, mettere in fila uno sopra l'altro. Anche se molti linguisti non considerano questa ipotesi a me sembra fin troppo intuitivo far risalire a questa stessa radice la parola "pirón" (e cioè forchetta).

- Inpissar (accendere) ha la stessa origine (non del tutto certa) dell'italiano "appiccare" e cioè il verbo latino "picare", probabilmente, che significa "attaccare con la pece". Questo era probabilmente il primo passo per accendere un fuoco. 

- Insenbrar (mescolare insieme) viene dalla stessa radice della parola "insieme" o del francese "ensamble" e cioè il latino "insimul" e cioè "allo stesso tempo, simultaneamente". Dalla stessa parola deriva "simile" e "assemblea", per esempio.

- Intimeła (fodera) deriva dal greco "endyma" e cioè "vestito", "copertura".

- Intivar (indovinare, azzeccare) viene dal latino "intypare" e cioè "colpire nel segno". A sua volta derivante dal greco "typos" con il significato di "colpo", "segno"

- Łarin (cioè il "caminetto") viene dalla stessa radice di "focolare" ovvero i "lares foci" che rappresenta il luogo dove si prepara il fuoco in casa, ma che rappresenta anche la stessa famiglia, infatti la parola "lar" era il nome delle divinità protettrici della casa e della famiglia. I "lares" si possono definire come la versione divinizzata degli antenati della famiglia ed erano delle statuine collocate in piccoli altari presenti dentro casa, per proteggere chi ci abitava. Questi altarini erano chiamati "lararia" ed erano il luogo sacro della famiglia. In Portoghese la parola "lar" significa "focolare" così come il termine catalano "llar".

- Marangon (falegname) deriva dalla parola "marranca" ovvero "marra" (falcetto, zappa, ascia). La parola veneta, attraverso la storia della Serenissima, è diventata il termine falegname per lingue come l'Albanese, il Greco moderno e il Turco.

- Massa, che significa "troppo", viene dal latino "magis" che significa "di più". Si tratta della stessa etimologia del catalano "massa" e dello spagnolo "demasiado" dallo stesso significato.

- Mojo, che significa "bagnato" ha la stessa origine di parole come il francese "mouiller", lo spagnolo "mojar", il portoghese "molhar" e il catalano "mullar" (tutte parole che significano "bagnare"). Anche per il Veneto quindi l'origine è la stessa: Latino volgare: "molliare" dal Latino classico "mollire" cioè soavizzare, rendere molle.

- Mołena (mollica) deriva dal termine latino "mollis" e cioè molle, soffice.

- Morbin (allegria, entusiasmo) deriva dalla parola "morbio" / "murbio" cioè vivace, allegro, ma anche rigoglioso. Questa idea di germoglio è l'origine di questo termine che deriva dal latino "morbidus" e cioè tenero, soffice, in questo caso tenero come un germoglio.

- Mussato (zanzara). L'ipotesi riportata nel Dizionario del Dialetto di Capodistria dove si afferma che il termine deriverebbe, secondo certi studi linguistici, dalla radice "musteu" dal significato di "mosto" con il suffisso "-attu" e che significherebbe "moscerino che nasce nel periodo della fermentazione del vino". Si cita, tra l'altro, l'analogia con l'Albanese "mushkonjë". Questa teoria e questa connessione logica con un animale tipico del mosto, cosa che non è tipica della zanzara, bensì, forse, del moscerino) non mi convince del tutto, personalmente mi sembrerebbe più probabile che "mussato" venga da "muscato" e cioè dal latino "musca" con un suffisso dispregiativo, origine non dissimile dallo spagnolo "mosquito".

- Musso (somaro, asino) è ufficialmente un etimo incerto, alcuni non escludono la connessione con il termine toscano "miccio" dallo stesso significato. In ogni caso anche "miccio" non ha un'origine chiara. Alcuni lo associano al termine tardo-latino "muscella" che indica il mulo. Secondo me l'ipotesi più probabile è quella del termine latino "musimo" o "musmo" con significato di "asino non castrato". questo termine viene tra l'altro citato anche nel Dizionario Comparativo Latino-Etrusco per cui non escluderei, a priori, che il termine possa derivare da una latinizzazione di un termine etrusco originario (visto che poi il termine "miccio" resiste proprio in terre etrusche e che i "musimi" erano asini tipici soprattutto della Sardegna e della Corsica, anche quelle terre di antica influenza culturale etrusca).

- Mùtara (mucchio, accumulo) mi sembra logico che derivi dalla parola "multus" latina da cui la parola "multa" e cioè un ammasso di "molte cose".

- Onde (dove) viene dal latino "unde".

- Osar (urlare) deriverebbe a mio parere dal termine "vosar" e cioè "usare la voce", così come in Siciliano "buciari" per dire la stessa cosa. L'etimologia più antica quindi seguirebbe quella della parola "voce".

- Paciołar (sbavare o far pastrocchi con la bocca) viene dalla radice tedesca "patschen" dal significato di "sguazzare". Questa radice è l'origine di altri vocaboli veneti come "pacioro" e "spàciara".

- Pacioro (fango) deriva dalla parola tedesca "patsch" nella sua accezione di "fango", "fanghiglia". 

- Pàndar (ammettere, confessare o tradirsi, dimostrare palesemente ciò che si tenta di nascondere) deriva dal latino "pandere" che significa "aprire", "distenedersi" e quindi usato nel senso di "aprirsi", "abbassare le difese", "mostrare tutto apertamente". Si tratta dunque della stessa origine del verbo "espandere".

- Papusse (pantofole da casa) deriva dalla parola araba "babush" che indica un tipo di calzature.

- Parar in Veneto significa "dirigere", "indirizzare", ma l'etimologia è la stessa del "parare" italiano. Si tratta quindi di "parare" latino e cioè "preparare", "predisporre". L'accezione quindi è quella di "predisporre per il movimento" come nell'antico e celebre indovinello veronese dove è scritto "se pareba boves" nel senso di "tener davanti a sé" ma anche di "parar vanti" ovvero di "far procedere". L'accezione di movimento del verbo "parare" che in Veneto è l'unica possibile ("parar su", "parar zo", "parar fora", "parar vanti", "parar indiro"...) è a volte presente anche in Italiano (come nella forma "andare a parare") o addirittura già in Latino (riconoscibile nella formazione di verbi come "separare" o "sparare").

- Pegaísso cioè "appiccicoso", "viscoso" (e il termine "pégołarse" che significa "immischiarsi" oppure "pégoła" cioè "pece") vengono dal latino "picare" e cioè "imbrattare con la pece" (pece=pix, in Latino). Si tratta della stessa radice delle parole portoghes-spagnole "pegar", "desapego" e dell'aggetivo spagnolo "pegajoso".

- Pèrsego significa la "pesca", il frutto, e l'origine della parola è la stessa: viene dal Latino volgare "persicu(m) mala" cioè "mela della Persia".

- Pessa (muco nasale) credo derivi dal latino "spissus" e cioè "denso".

- Petar significa sia "attaccare", "incollare" che "sbattere", "toccare". Parrebbe derivare dal latino "peditare" nella sua accezione di "appoggiare". In Galizia si usa il verbo "petar" per dire "battere alla porta".

- Piron (forchetta) ha un etimo incerto e dibattuto da molto tempo. È molto diffusa la teoria che il termine derivi dal greco "peronion" e cioè chiavicchia, da cui (teoricamente) dovrebbe poi derivare la parola "pirouni" che in Greco moderno definisce appunto la forchetta. Queste teorie a mio parere risentono dell'abitudine di ritenere che tutto ciò che assomiglia a una parola greca viene dal Greco all'Italiano e non viceversa. Invece chiunque conosca un po' di storia e linguistica della Grecia sa benissimo che l'influenza veneziana in Grecia è stata molto potente e ci sono molte parole venete che si usano ancora in Greco moderno come "karekla" (sedia), "kadena" (catena), "ombrela" (ombrello), "kaminada" (camminata), "boukhali" (caraffa), "banio" (bagno), "veloudo" (velluto), "moustaci" (baffi), "komparòs" (compare), "koniadòs" (cognato), "barbòs" (zio), "lemonada" (limonata), "moneda" (moneta), "bora" (vento), "kamineto" (camino), "zòveno" (giovane), "marangòs" (falegname), "pastizada" (pasticcio), "lukaniko" (salsiccia), "feta" (il formaggio greco che si taglia a fette) e altre ancora. Considerando che la maggior parte di queste parole sono di uso domestico non mi sembrerebbe azzardato che insieme al caminetto, alla sedia, al boccale di limonata e al piatto di pasticcio e salsiccia, anche la forchetta potesse essere una parola di origine veneziana adottata dal Greco e non viceversa. Questa ipotesi la sostengo per due ragioni: la prima è che non vedo l'attinenza tra una forchetta e una chiavicchia (sarebbe poi tutto da vedere se "pirouni" derivasse da "peronion" o se non si tratti di una semplice assonanza); secondo perché per un veneto-parlante c'è una connessione logica diretta e totalmente intuitiva tra "piron" e il verbo "inpirar" che significa "infilare/inforcare". Per cui il "piron" è quella cosa che "inpira". Che io sappia nessun linguista però ha fatto risalire il verbo "inpirar" da "peronion", visto che mi pare più ovvia la derivazione dal latino "pila" ovvero mettere "in-pila", "infilare uno dopo l'altro". (vedi il termine "inpirar").

- Pitar (emettere un suono acuto / suonare) viene dall'onomatopea "piiit" e anche se questo può sembrare poco interessante è invece interessante notare come lo stesso verbo sia in uso nello Spagnolo e nel Portoghese.

- Pitusso e cioè pulcino secondo me potrebbe derivare dallo slavo "ptica" (pronuncia "ptizza") che significa "uccello". La stessa origine potrebbe aver generato la parola "pito" o "piton" e cioè "tacchino".

- Promoso (desideroso) è parola che deriva dal latino "promotus", participio passato del verbo "promovere" nel senso di "eccitare", "emozionare".

- Pupinoto, cioè "pupazzo", "fantoccio" deriva dal latino "pupus" (che significa "bambino", "pupo") così come parole del tipo "pupilla", "puppet" in Inglese e lo stesso termine di "pupazzo".

- Putel (bambino) viene dal latino "putus" con il significato di "ragazzo, bambino", la stessa origine dell'italiano "putto".

- Resentar, dal significato di "sciaquare" viene dal vocabolo latino "recentare" e cioè "far passare del liquido". Si tratta della stessa etimologia del Catalano "rentar" che significa "lavare".

- Ronsegar (russare) deriva dal latino "rhonchare" che è un prestito dalla lingua greca con il termine "rhonkhos" che indica il "gracchiare delle rane". Mentre il verbo "russare" italiano deriva dal longobardo "hruzzan".

- Ruga, piccola via, ancora presente nella nomenclatura del tessuto viario veneziano, viene dal Latino "ruga" che significava "ruga", "solco", "cammino". È la stessa origine della parola Portoghese "rua".

- Rumar dal significato di "rovistare" o "cercare senza sapere dove", o "ancora scavare confusamente", potrebbe venire con altissima probabilità dall'antico termine germanico "rûm" e cioè "spazio" (dal cuale deriva la parola "raum" tedesca e l'inglese "room"). Nella sua versione verbale "räumen" significa "svuotare, fare spazio" e quindi ecco il termine "rumar" come scavare (ricordiamo "rumatera" = talpa). Questo termine è lo stesso che ha dato origine al francese "arrumer" e allo spagnolo "arrumar".

- Russar e cioè "sfregare" o "strofinare" deriva dal termine latino volgare "ruptiare", una derivazione del verbo "rumpere" e cioè "spaccare, rompere, fare a pezzi".

- Sanca (sinistra) e Sanchin (mancino) potrebbe avere un'origine comune al verbo "stangar" usato dai gondolieri quando devono girare a sinistra. Se così fosse allora ci sarebbe un'analogia tra la parola "sanca" e la parola "stânga" del Rumeno che, appunto, significa "sinistra". A questo punto l'origine è latina e "sanco" procederebbe dalla parola "stancus". Ad esempio "manus stanca" sarebbe la mano "goffa", la mano "pesante", in opposizione alla mando "destra", quindi "agile", "veloce" e "precisa". È interessante notare che se "sanca" viene da "stanca" così come il verbo "stangar" della nautica veneziana, ci potrebbe probabilmente essere una connessione anche con un'altra parola sempre pronunciata "stanga" e cioè la denominazione delle aree esterne alle porte orientali di diverse città venete. Il riferimento in questo caso all'oriente come a qualcosa relativo alla "sinistra" (guardando verso sud?) oppure al significato del termine originario "stanco" sarebbe comunque tutta da dimostrare. Personalmente azzardo la possibilità che possa trattarsi di un modo di dire con riferimento a Venezia come centro commerciale (e linguisico, essendo il verbo "stangar" veneziano, appunto). Forse i commercianti che risalivano i fiumi del Veneto per vendere arrivavano comunemente alle città di terraferma da oriente, per cui l'idea di "girare la barca (stangar) e tornare indietro" verso Venezia era sempre riferibile a tornare ad Est, da qui la nomenclatura di "stanga" per i quartieri orientali delle città venete.

- Sangiuto e cioè "singhiozzo" viene dal Latino "singultare" e cioè proprio "singhiozzare".

Sata (spesso scritta come "zatta") è in Italiano la parola per dire "zampa". L'etimo è incerto da quanto sono riuscito a vedere, ma vorrei far notare certe somiglianze che potrebbero far pendere per delle teorie (peraltro già esistenti) sull'origine della parola "sata" da radici latine (e non tedesche o arabe come alcuni ipotizzano). "Zatta", da cui la parola "zattera" può essere messa in relazione ad altre parole di lingue latine dove un certo tipo di imbarcazione piatta è definita come "chiatta" in Italiano, "chata" in Spagnolo, "chatte" Francese e "ciata" in Genovese. Questa teoria a mio parere già molto forte, si rafforza ulteriormente seconsideriamo altre parole come il "chiatto" del Napoletano che indica persona bassa e tozza. "Chiatta" e "zatta" dunque deriverebbe da una radice comune: la parola "sciatta", anticamente scritta come "xata" o "jata" con l'idea generale di "piatta". Su questo si è già scritto molto, anche se non tutti i linguistisono d'accordo. Vorrei però apportare un'ulteriore prova per questa teoria: Se il termine "zatta/satta/sciatta/chiatta" si associa all'italiano "piatto" tutti derivanti dal latino volgare "platta",  il suono iniziale"pl-" si è trasformato in diversi suoni: "pi-/chi-/sci-/zi-/si-/j-" in base alle diverse aree geografiche dove veniva pronunciato. Questa cosa non è rara nelle lingue neolatine, e si dimostra non solo in esempi isolati (come "più" e "cchiù" oppure "piangere" e "chiagnere" in Napoletano, "spianata" e "chianata" in Siciliano, "pioppo" e "chopo" in Spagnolo, etc.), ma anche con parole che presentano esattamente le stesse trasformazioni fonetiche di "plattu(m)": ad esempio il verbo "pluere" latino che diventa "piovere" in Italiano, "pleuvoir" in Francese, "llover" (suono j-) in Spagnolo, "chover" (suono sci- ) oppure di nuovo il termine "plenus" che allo stesso modo diventa nelle varie lingue "pieno", "plain", "lleno", "cheio". Considerando che il Veneto normalmente non trasforma il "pl-" in "z-" proporrei l'ipotesi di un assimilazione attraverso un'altra lingua: forse il Genovese o lo Spagnolo arcaico dove il suono "sci" si trasoforma facilmente in "zi". Per concludere vorrei citare il Dizionario del Dialetto di Capodistria che cita un'origine del termine dall'alto tedesco "zata" dal significato di "branca". Ad ogni modo io propendo per l'origine latina e vorrei far notare una analogia per me molto emblematica: il termine veneto "zatta" sembra aver generato il nome dell'imbarcazione "zattera" così come, simmetricamente, nello spagnolola parola "pata" (zampa) e "patera" (imbarcazione precaria, gommone, zattera). Sarà un caso?

- Sberegar (sbraitare, urlare) viene dal basso-Latino "bragire" anche presente nella forma "bragitare" e derivazione del verbo "ragire" (far rumore, gridare) da cui deriva anche la parola italiana "ragliare".

Sbregar (strappare) anche in questo caso viene dal Tedesco "brechen" (rompere), sempre con l'intensificazione della "S" all'inizio.

- Sbrindołón e cioè "andare a zonzo" o "persona che va a spasso" deriverebbe anche in questo caso da una radice germanica risalente al Tedesco occidentale "wundrōjanan" e cioè "girovagare". Si tratta della stessa radice di "to wander" inglese e altri termini come "to wind" o il verbo tedesco "winden" con lo stesso significato di girare e di farsi spingere in traiettorie curve. Si tratta quindi di un aportazione germanica antica la cui parola originaria potrebbe essere leggermente diversa dalla sopracitata per via delle variazioni delle lingue germaniche con cui il Veneto è entrato in contatto durante la sua storia. Ad ogni modo se togliamo la "S-" rafforzativo ecco che "brindolon" non si discosta molto dal "wundrojan" germanico. Una storpiatura locale o una variante germanica specifica potrebbe tranquillamente aver creato una versione intermedia tipo "wruntojan" o "brondojan". Per chi voglia approfondire questa teoria, penso che questa spiegazione basti. Io credo sia molto probabile.

- Sbrissar (scivolare) potrebbe derivare dallo Sloveno. In questa lingua vicina al Veneto "sbrizan" significa passare un panno, uno straccio e mentre "sbrizati" significa passare una spugna su una superficie liscia e umida. Si potrebbe quindi supporre che una radice slava simile alla pronuncia "sbrissar" e con il significato di scivolare su qualcosa di liscio o bagnato possa essere l'origine della parola veneta.

- Scagno (sgabello) deriva dal latino "scamnum", dallo stesso significato.

- Scajo (ascella) deriva dal greco "maschálion" che è il diminutivo di "maschále" che significa appunto ascella.

- Scapołar (evitare una situazione), viene dal latino "excapulare" e cioè ex-capulare ovvero "liberarsi dal cappio". Si tratta della stessa radice della parola italiana "scapolo" il che mi sembra interessante come origine del termine... È invece un'origine diversa dal termine "scappare". Scappare ufficialmente viene da "excappare" e cioè togliersi la cappa, il cappuccio per fuggire meglio. Io comunque non escluderei l'origine "excapulare" anche per il termine italiano...

- Scarpía (ragnatela) anche se spesso si suggeriscono diverse origini, a mio parere, il termine deriva sicuramente dal latino "carpere" (dal significato di "filare").

- Scarpo (mammelle della mucca) a mio parere deve provenire dal greco "karpós" dal significato di "prodotto", "frutto".

- Schito (escremento di uccello) può sembrare un termine poco elegante da inserire in questa lista, ma a me sembra interessante dal punto di vista linguistico, visto che riconosco chiaramente un ascendenza dalla radice proto-germanica "skita" o "skitaz" che ha poi originato tutti i termini relativi algli escrementi in generale in tutte le lingue della famiglia germanica (tra cui lo "shit" inglese e lo "scheisse" tedesco moderno). Un escremento d'uccello quindi racchiude ben più storia e cultura di quanto possa sembrare a prima vista.

- Sćiona (anello, ciondolo) viene dalla stessa radice della parola "ciondolo", anche se non sembrerebbe a prima vista. Nel caso di "cioncolo" c'è un diminutivo che inganna: la parola in se sarebbe "ciondo" e in ogni caso il sostantivo (che definisce un anello appeso) deriva dal verbo "ciondolare". L'etimologia di "ciondolare" è risaputa e deriva dal Latino "ex-unda" e cioè muoversi come mosso dalle onde, ondulare. L'uso di anelli, sia come orecchini, sia per legare corde a carri o a briglie, erano oggetti che ondulavano, erano letteralmente l'idea stessa del "pendolo". Ad ogni modo, l'etimo di "ciondo" o "cionda" è lo stesso di "s-ciona" ed ecco spiegato il mistero.

- Sćioso (chiocciola) è tra i termini  a cui nessuno finora ha mai suggerito un'etimologia per quello che ho visto. Dopo vari studi sostengo che sia il termine "sćioso" che il termine "chiocciola" abbiano la stessa origine e cioè il corrispettivo latino "cochlea". Chiocciola deriva dal diminutivo di cochlea e cioè "cochleola", mentre il Veneto conserva la versione senza diminutivo e aggiunge, come spesso fa, una "S-" intensificativa. Quindi "s-cioso" deriva da "s-cocleo", passando per una forma intermedia (come in Italiano, del resto) dove "cochleo" passa a essere "clocheo" e poi "chioceo" a questo punto l'Italiano passa a "chiocciola" e il Veneto passa a "cioso" da cui, appunto "sćioso". 

- Sentarse (sedersi) deriva dal verbo latino "sedentare" cioè prendere un posto a sedere.

- Serar (chiudere) viene dal verbo latino "serrare" dallo stesso significato.

- Sfesa (fessura) dal latino "fissus" e cioè "spaccato".

- Sghinsar (schizzare) dovrebbe provenire dalla radice tedesca "witschen" con l'aggiunta di una S- intensificativa del significato. La parola germanica significa "scivolare", "scappar via" ed è la stessa radice della parola italiana "guizzare". L'etimo è suggerito nel "Glossario Etimologico Piemontese" per il termine "sghicèt" e per il verbo "sghicè" dal significato analogo allo "sghinsar" veneto.

Sgnacar (sbattere, lanciare con forza) a mio parere ha la stessa origine del verbo "to knock" inglese. Si tratta cioè della radice germanica "knoko" o "kneukaz" dallo stesso significato del termine veneto.

- Sgnapa (grappa) ovviamente e senza dubbi viene dal Tedesco "sniapp"

- Sguatarar dal significato di "scuotere un contenitore con del liquido dentro" quindi un concetto a metà tra "sciacquare" (resentar) e "scrollare" (sgorlar). In questo caso l'origine del termine è la stessa di "scuotere" e cioè la parola tardo-latina "exquotere".

Sleca (colpo, sberla) anche in questo caso viene dal Tedesco "schlagen" con lo stesso significato.

- Slepa (sberla) dalla radice basso-tedesca "slappe" e cioè schiaffo.

- Smassucar significa ammaccare e letteralmente deriva dall'idea di "colpire con una mazza". Il termine viene dal latino "martus" che significa "mazza", "martello" e quindi il significato originale del verbo era "colpire con il martello". Si tratta della stessa etimologia dello spagnolo "machacar" e del portoghese "machucar".

- Soto (e anche Sotegar) che significano "zoppo" (e conseguentemente "zoppicare") storicamente trascritto in quasi tutti i testi come "zoto" o "zotto". A mio parere è chiara l'ascendenza comune con il verbo tedesco "zotteln" che significa "camminare lentamente e goffamente".

- Spàciara (pozzanghera) e spaciarar (sguazzare nell'acqua) derivano dal termine tedesco "patschen" che significa proprio "sguazzare nell'acqua" oltre che a "fanghiglia". Si tratta della stessa etimologia di parole come "pacioro" e "paciołar".

- Sparagnar (risparmiare) viene dalla radice germanica "sparaną" portata dai Franchi nella loro versione "sparanjan", con lo stesso significato di adesso.

- Spigasso (e cioè uno scarabocchio) lo faccio derivare dal Latino "spica" che significa "punta", "estremità appuntita" con l'aggiunta vagamente dispregiativa "-asso" (l'"-accio" italiano), come del resto la terminazione analoga del termine "scarabocchio" che dà un senso di "poco rilevante", "poco importante". La ragione per la quale uno scarabocchio debba derivare dall'idea di una "punta" è la stessa per la quale si dice "appuntare", "prendere appunti". Suppongo che il primo abbozzo di un disegno era probabilmente realizzato con una punta che dava un primo schema di massima sul quale poi si realizzava il disegno vero e proprio.

Spissa (prurito) è sempre di radice germanica: in Tedesco "spitz" significa pungente, quindi nell'accezione di qualcosa che punge, arde o irrita la pelle "spiss" è poi diventato "spissa".

- Springar (spruzzare) è sorprendentemente simile all'Inglese "spring" (sorgente) o "to sprinkle" "spruzzare". Seguendo l'etimologia di questi due termini è facile riconoscere l'ascendenza germanica del termine: "springaną" è la radice proto-germanica che significa "scaturire verso fuori", quindi con l'idea dello zampillare di una sorgente. Parole simili a "springar" e dal significato simile si trovano in tutte le lingue germaniche. 

- Sproto (saccente, sbruffone) viene dalla radice greca "protos" che significa "primo".

Steca[denti] (stuzzica[denti]) mantiene la parola "dente" come in Italiano, ma usa la desinenza "steca" invece di "stuzzica". Queso potrebbe sembrare una piccolezza, ma non tanto se consideriamo che in Tedesco la stessa parolaè definita come "[zahn]stocher" dove "zahn" è "dente" e "stocher" sta per "steca" in dialetto veneto. Considerando l'influenza germanica nelle parlate venete (in questo caso direi soprattutto del periodo austro-ungarico) direi che più che un'assonanza questa è un prestito linguistico tedesco adattato al Veneto.

- Stramasso (materasso) non viene dall'Arabo, come la parola italiana, e a quanto parte l'etimo è incerto. Io propongo l'origine attraverso la parola latina "stramentum" e cioè paglia che si stende sul terreno per coprire (che in Veneto si dice "starnir" sicuramente con la stessa etimologia) e che è attestato essere l'origine di parole che in altre lingue (come il provenzale "estremà") per indicare "luogo dove ritirarsi". L'idea della paglia come materasso è anche rafforzata dal termine "pajón" per dire letto.

- Strica cioè una stecca o un pezzo allungato di un materiale duro viene dalla radice pre-indoeuropea "strig" nel senso di segno, linea e, per estensione, di "oggetto allungato", "cosa lunga". Stessa radice di parole come l'inglese "streak", "strike" o del tedesco "strich" o l'italiano "strigliare"

- Stringa (fascia, nastro, stecca o pezzo allungato) sembra avere due possibili origini che in ogni caso l'una non esclude l'altra. Un'ipotesi punta sull'origine latina dalla parola "stingere" che ha a che vedere con l'idea di cinture e cinghie. L'altra indica una radice germanica, dal vocabolo "strang" e cioè corda. In entrambi i casi l'origine ancora più antica è la radice pre-indoeuropea "strenk" che significa "stretto, sottile"

Strucar (premere, schiacciare) viene sicuramente dal Tedesco "drücken" con lo stesso significato. L'aggiunta della "S" (o della desinenza "Des-") è una caratteristica usuale della trasformazione in verbo di molti aggettivi o sostantivi (nudo-desnudar) o di intensificazione dei concetti (marso/smarso).

- Stuar o Stusar (spegnere) viene dal termine latino "extutare" inizialmente con il significato di "proteggere" già in epoca medioevale aveva il significato di "estinguere".

- Subiar che significa "fischiare" viene dal latino "sibilare" (fischiare/soffiare facendo un suono). Dalla stessa radice viene la parola "subioto" cioè tutto ciò che ha una forma tubolare corta e che quindi permette di soffiarci dentro.

- Sustegar (irritare, infastidire) e anche il sostantivo "susto" che origina il verbo viene dal latino "suscitare" che originariamente significa "sollevare" ma che può voler dire anche "stimolare, provocare".

- Tamiso (passino/colino) viene dal termine latino "tamisium" dal significato analogo. In Spagnolo e Portoghese esiste il termine "tamizar/tamisar" dal significato di "filtrare", "depurare".

- Tocio (sugo) e tociar (intingere, immergere) viene dal tardo latino "tucca" che significa "grasso che cola", "salsa".

- Tirache è la parola tradizionale per indicare le bretelle. Suggerisco che questa parola derivi dallo Sloveno "trake" che significa "nastro", "fascia".

Trincar (bere a canna) è un germanismo che deriva dal Tedesco "trinken".

Trodeto (sentiero) è di radice germanica antica, la parola originaria è "tredan" è cioè calpestare (da cui viene anche il termine inglese "to tread", calpestare, e "trod", calpestato). La radice proto-germanica è "trudaną".

- Unquò (anche detto "uncùo/ancoi/ancò/incùo etc) significa "oggi" ed è risaputo che l'origine di questo termine (comune a molti dialetti e parlate del nord-Italia) deriva da "hanc hodie" e cioè "quest'oggi".

- Usar (a volte nelle versioni "ugar", "guar" o "gusar") significa affilare la lama di un coltello. La parola viene dal latino "acutiare" e cioè "aguzzare".

- Varsor (o vassor) e cioè "aratro" viene dal Latino "versorium" derivato da "versus" (voltato, girato), participio passato di "vertere".

- Visćia, ovvero bacchetta o verga sottile, sembrerebbe derivare dal tedesco "wisch" che significa "sottile fascio di paglia" o "spazzola".

- Zerman significa cugino e deriva dal termine latino "germanus" dal significato esteso di consanguineo. Si tratta della stessa origine del termine "germe" e "genetico". Il termine "germanus" significa originariamente "carnale" o anche "esatto, vero".


---------------

Per realizzare questo tipo di ricerca oltre a rifarmi a etimologie ufficiali di altre lingue che usano parole analoghe a quelle venete (nella maggior parte dei casi citate nella spiegazione dei termini stessi), mi sono avvalso di interessanti testi di etimologia e di linguistica. Vorrei comunque citare due testi particolarmente utili e interessanti che mi sembrano non essere particolarmente conosciuti: il Dizionario Storico Fraseologico ed Etimologico del Dialetto di Capodistria, di Manzini-Rocchi, molto ricco di ricostruzioni etimologiche e molto completo; e anche il Glossario Etimologico Piemontese, del maggiore Del Pozzo, che seppur non trattando della lingua veneta, cita e propone molte etimologie di parole comuni nell'area dell'Italia settentrionale e che mi ha aiutato in qualche ricostruzione e ipotesi. Lo trovo comunque un lavoro importante e degno di essere citato.