Tuesday, 6 December 2016

l'incredibile vista del pipistrello

Noi siamo animali essenzialmente visivi.
L'immagine del mondo esteriore e dello spazio attorno a noi la creiamo principalmente attraverso i nostri occhi, che sono gli organi sensoriali che catturano la luce, in varie frequenze, e poi trasmettono le informazioni visive al nostro cervello attraverso i nervi ottici.
Poi noi ricostruiamo la nostra nozione di spazio attraverso dentro la nostra testa, ma siccome per capire gli spazi usiamo questi formidabili organi sensoriali che sono gli occhi, è per questo che siamo abituati a considerare la visione come il solo modo di capire i volumi e le distanze del mondo tridimensinale che ci circonda.
Ma non è così per tutti gli animali: alcuni usano altri organi per decifrare gli spazi che li circondano.
I delfini e i pipistrelli (tanto per fare due esempi semplici) emettono dei suoni e in base a come questi suoni rimbombamo e ritornano alle loro orecchie capiscono dove si trovano all'interno degli spazi tridimensionali.
(...non so se per un delfino sia molto appropriato parlare di "orecchie"...).
Ad ogni modo qualsiasi organo sensoriale che dia informazioni sulla forma e posizione degli spazi intorno a noi è una specie "occhio alternativo" poiché permette di ricostruire mentalmente (dentro al cervello) i volumi che ci circondano.
Ad esempio, nel caso dei pipistrelli, visto che sono ciechi, non è fuori luogo affermare che questi animali letteralmente vedono attraverso le orecchie.
Attenzione questa non è una metafora o una analogia più o meno vera, bensì è proprio così! Un pipistrello nel proprio cervello interpreta e ricostruisce in termini di volumi e spazi tridimensionali le informazioni che gli arrivano da un organo sensoriale che cattura specifiche frequenze di suoni, allo stesso modo che un uomo nel proprio cervello interpreta e ricostruisce in termini di volumi e spazi tridimensionali le informazioni che arrivano da un organo sensoriale che cattura specifiche frequenze di luci.

Pensare di vedere con le orecchie è una cosa formidabile!
Per vari motivi: per esempio il suono si sposta con una velocità infinitamente più lenta di quella della luce, per cui le deformazioni "visive" che questo provoca nell'interpretazione degli spazi del pipistrello sono un trip assurdo!

consideriamo adesso 7 punti sorprendenti riguardo al modo in cui i pipistrelli vedono il mondo:

1- La vista del pipistrello è a singhiozzi.
Questo significa che se il pipistrello grida il pistrello vede, mentre se il pipistrello non grida il pistrello è cieco. Cieco relativamente, ovviamente, visto che può percepire altri suoni che non provengono necessariamente dalla sua bocca; ma forse questi suoni che non sono emessi dal pipistrello stesso sono suoni meno intensi e meno adatti alla sua percezione, quindi probabilmente la "vista" fornita da questi suoni (meno ottimali per l'orecchio del pipistrello) sarebbe più "sfocata", più "nebbiosa", più "scura" rispetto alla "luminosa" e "nitida" visione che otterrebbe attraverso l'uso del suo proprio grido acuto.
Insomma, il pipistrello vede (o almeno vede nitidamente) a singhiozzi ritmici, dettati dalla sua voce.

2- Il pipistrello vede anche l'invisibile!
Il suono si propaga in modo diffuso e non è necessariamente diretto come la luce.
Cosa voglio dire? Voglio dire che noi, che dipendiamo dalla luce, vediamo tutto ciò che emette dei fotoni in linea retta con il nostro occhio; se per sempio un oggetto sta tra noi e l'oggetto che emana fotoni, l'oggetto sarà necessariamente nascosto alla nostra vista. In poche parole un muro che sta tra un oggetto e i nostri occhi, non ci permette di vedere quell'oggetto.
Questa cosa non vale per il pipistrello, visto che (come possiamo sperimentare facilmente) possiamo ascoltare rumori che provengono da dietro una parete, o da dietro di noi, in definitiva da luoghi nascosti alla nostra vista.
La provenienza e il movimento relativo dei suoni dunque permette una "visione" molto più completa e ampia della nostra e il pipistrello vede lo spazio su più livelli contemporaneamente, vedendo anche ciò che ci è invisibile.

3- Il pipistrello vede in ritardo
Visto che il suono viaggia a 330 metri al secondo e la luce a 300.000 km al secondo la "visione sonora" del pipistrello è estremamente rallentata rispetto alla nostra e il pipistrello vede il passato, non il presente.
Se immaginiamo quando urliamo in un burrone e aspettiamo il ritorno del nostro eco, possiamo capire quanto in ritardo veda un pipistrello: dal momento dell'urlo, fino al ritorno della voce, il pipistrello è virtualmente cieco e solo al momento del ritorno del suono egli vede qualcosa (qualcosa piuttosto sfocato, visto che il suono torna meno nitido e definito).
In realtà il pipistrello non vede solo l'eco che arriva tardi, ma vede ciò che è più prossimo nitidamente e anche in modo piuttosto istantaneo (anche se non tanto come se vedesse la luce) mentre tutto ciò che è lontano torna con lentezza creando in un certo "sfalsamento temporale della vista" in relazione alle aree più o meno distanti.
Potremmo quindi dire che:
a) risposte visive più lontane saranno più sfocate e meno chiare, quindi la vista del pipistrello è un po' come se fosse la vista dentro alla nebbia: le cose più vicine più definite e quelle più lontane, più sfocate.
b) il "punto 1" citato sopra (cioè il pipistrello vede solo quando urla) è vero, ma, come abbiamo visto, la risposta visiva di un urlo non è istantanea, quindi il pipistrello riceve istantaneamente la visione chiara e nitida delle cose vicine mentre riceve progressivamente un po' alla volta visione via via più sfocate e nebbiose delle cose più lontane.

4- Il pipistrello vede colori ...diversi!
Cos'è il colore per noi, animali visivi? si tratta del riconoscimento di frequenze diverse di luce.
E il suono presenta frequenze diverse? sì, certo!
Possiamo dunque ipotizzare che, come noi vediamo colori diversi in base alle varie frequenze di luce, il pipistrello vede colori diversi in base alla frequenza del rumore, ma non finisce qui: i rumori di oggetti in avvicinamento o in allontanamento sono soggetti all'effetto Doppler che intensifica le frequenze quando un suono si avvicina, mentre lo fa scemare mentre si allontana (Tanto per capirci, il rumore di una moto che si avvicina, ci passa di fianco e si allontana velocemente: il motore in sé fa sempre lo stesso rumore, ma per noi, fermi al margine della strada, l'avvicinamento e l'allontamento della moto genera un suono mutevole molto caratteristico. ascendente e discendente).
Per fare dunque un parallelismo un po' estremo con il nostro modo di vedere, se la nostra vista va dal rosso al violetto passando per tutte le tonalità dell'arcobaleno, il pipistrello potrebbe vedere i colori virare verso il verde, poi blu, e poi violetto quando si avvicinano, mentre li vede virare verso il giallo, arancione e rosso mentre si allontanano.
Vi potete immaginare che show di colori?

5- Chi grida è come se emettesse luce
Se un pipistrello "vede il suono" egli vede gli altri pipistrelli come delle lucciole, visto che emettono suoni. Anche io, come uomo, se urlassi emetterei dalla mia bocca una specie di luce, agli occhi del pipistrello (o alle orecchie del pipistrello, per dirla tutta).
La luce che un pipistrello riceverebbe da me non sarebbe una luce abbagliante, visto che non emetto frequenze molto alte, ma sarebbe una luce calda e soffusa.
Qualsiasi rumore stridente ed ad alta frequenza tuttavia, rappresenterebbe per il pipistrello un bagliore acciecante.

6- Oltre la velocità della luce!
Noi uomini possiamo chiederci come si manifesterebbe una persona che viaggia oltre la velocità della luce senza poter avere un esempio pratico di questo evento, ma un pipistrello può avere l'esperienza di sperimentare la vista di un oggetto che va oltre la velocità del suono!
Questa analogia l'ho già spiegata in un vecchio post del 9 maggio 2010, ma, in sostanza, in caso di un oggetto che va oltre la velocità del suono, un pipistrello inizialmente non vedrebbe nulla anche se l'oggetto si sta già avvicinando, poi, di colpo, vedrebbe una grande esplosione di luce acciecante che scemerebbe progressivamente fino a permettere la vista dell'oggetto, ma in una posizione sfalsata rispetto la realtà. Il pipistrello quindi alla fine dell'apparizione magica vedrebbe un oggetto che però sta in una posizione falsa, non reale: vedrebbe solo dove l'oggetto è già passato! l'oggetto reale sta in realtà già molto più avanti.
Una esperienza piuttosto inconcepibile per un pipistrello comune.

7- Per il pipistrello è sempre notte!
Il pipistrello vede solo nel caso in cui i suoni rimbalzino su qualche oggetto, questo significa che luoghi che sono  un vuoto non permettono nessuna visione per il pipistrello.
Questo significa che per il pipistrello il cielo è sempre nero, una specie di notte perpetua.


Insomma, dopo tutta questa serie di osservazioni... il pipistrello vede il mondo come uno sballato da un mix potentissimo di tutte le droghe umane messe insieme, non credete? hahaha

1 comment:

  1. VEramente molto interessanti queste considerazioni.

    ReplyDelete